FIC - Finanze Investimenti Criptovalute

Oliver Camponovo: L'inflazione dilaga e la BNS sonnecchia

OLIVER CAMPONOVO INFLAZIONE - Tutto aumenta di prezzo: elettricità, cibo, automobili e tasse. La colpa è del denaro libero, non della pandemia, e Jordan e i suoi soci non sono contenti. La BNS si trova di fronte a un ostacolo enorme. Rischia l'inflazione, uno shock dei tassi d'interesse, una crisi immobiliare e una catastrofe finanziaria se si impegna nel mercato valutario. Se non lo fa, potrebbe essere in grado di evitare che l'inflazione si diffonda in Svizzera. Il franco, d'altra parte, andrebbe molto probabilmente alle stelle.

Analisi condotta da Oliver Camponovo sulla situazione inflazionistica

Ogni giorno, notizie più terribili sull'aumento dei costi dimostrano quanto sia diventata seria la minaccia dell'inflazione.

Il valore di settembre dell'IPC statunitense è stato rilasciato l'altro ieri (un valore mensile dello 0,4%, contro il 5,4% dello stesso mese dell'anno scorso), e il valore di settembre dell'indice dei prezzi alla produzione PPI è stato rilasciato ieri (un valore mensile dello 0,5%, contro l'8,6% dello stesso mese dell'anno scorso).

Se un anno fa si temeva una deflazione significativa, ora la "narrazione" cambia continuamente. "È perché l'economia sta riaprendo", "è a causa degli alti prezzi dell'energia", "è a causa delle restrizioni dell'offerta", e così via. Sembra che non sappiano che storia raccontare o che cosa fare, secondo me - né in Svizzera né in altri paesi. Se vogliamo riassumere la situazione, possiamo dire che la visione macroeconomica ha fallito.

In quasi tutti i casi, l'epidemia viene incolpata in qualche modo dell'inflazione. L'aumento dei prezzi e l'inflazione sono causati principalmente dall'espansione della massa monetaria delle banche centrali, che viene menzionata raramente.

Dopo i blocchi, le banche centrali hanno esteso drammaticamente i loro fogli finanziari, in coincidenza con un calo della produzione e dei servizi. Più denaro equivale a meno articoli e servizi, così come prezzi più alti. Non è logico?

Oliver Camponovo e l’inflazione in Svizzera

Dall'inizio dell'anno, l'inflazione nella zona euro e in Germania è stata sostanzialmente più alta. Il tasso d'inflazione annuale della zona euro è attualmente al 3,4% (stima settembre 2021, Eurostat). È considerevolmente più alto in Germania, al 4,1% dal 1993, e più del doppio dell'obiettivo a lungo termine della BCE del 2%.

Thomas Jordan e la BNS non si preoccupano di tali questioni, e non vedono alcun motivo per modificare la politica monetaria. In poche parole, credono:

  • La politica monetaria ha dimostrato di essere efficace.
  • L'inflazione in Svizzera è ancora modesta, intorno all'1%. L'inflazione negli Stati Uniti è del 5% circa, mentre nella zona euro è del 3% circa.
  • In Svizzera, l'inflazione dovrebbe scendere leggermente.

Ma, in un'economia aperta, come può Jordan essere così sicuro di sé? Quando si tratta di inflazione e di prezzi al consumo, la Svizzera può isolarsi completamente dal resto del mondo?

Certamente no. In un documento di studio del 2017, la stessa BNS ha stabilito che le influenze estere sono i principali motori dell'inflazione svizzera, suggerendo che la posizione attuale della BNS contraddice il suo studio.

Lo stesso studio indica che un franco svizzero più forte può aiutare a prevenire le importazioni inflazionistiche e una situazione simile a quella del 1973-1974.

Tuttavia, sembra che la BNS non si preoccupi dell'inflazione oggi. L'inflazione è menzionata solo una volta nell'attuale rapporto sulla stabilità finanziaria (settembre 2021) nel caso di uno scenario estremo di "shock dei tassi di interesse". La crescita dell'inflazione fa salire rapidamente i tassi d'interesse in tutto il mondo. Di conseguenza, la crescita economica rallenta notevolmente e i prezzi degli immobili crollano.

BNS parla troppo poco di inflazione

È la fine? È incredibile quanto raramente la BNS parli di inflazione in pubblico, anche se qualsiasi economista logico la considererebbe un rischio significativo.

Spero onestamente che stiano semplicemente giocando a poker con noi e che l'inflazione sia accuratamente monitorata e analizzata a porte chiuse. Lo vediamo già con i prezzi delle materie prime, le tariffe delle utenze e le carenze di cibo nel mondo reale.

Secondo la BNS, il danno più sostanziale da uno shock dei tassi d'interesse sarebbe sulle banche svizzere nazionali, che soffrirebbero della sotto-collateralizzazione dei loro portafogli di prestiti ipotecari e delle perdite sugli interessi nominali e non pagati. È una situazione orribile. E, mentre tutto sembra essere per il momento, quanto siamo vicini a uno scenario di "shock dei tassi d'interesse"?

L'inflazione è in continuo aumento negli Stati Uniti, nella zona euro e in Germania. C'è il rischio di uno "spillover", e cosa stiamo facendo al riguardo? È possibile nascondere la verità al grande pubblico? O, ancora peggio, supporre che questo orrore non ci toccherà perché siamo i migliori del mondo?

Oliver Camponovo propone due interventi per affrontare l’inflazione

La questione, a mio parere, dovrebbe essere almeno discussa, con due possibili interventi della BNS:

(a) Ridurre o eliminare gli interventi sul mercato dei cambi per ridurre o eliminare le importazioni di inflazione. Il tasso di cambio del franco svizzero verrebbe d'ora in poi fissato esclusivamente dal mercato, con un conseguente aumento (significativo?) del CHF contro EUR e USD. Ma cosa succederà alla forte posizione finanziaria della BNS? I loro attivi e i dividendi versati ai cantoni per completare il loro bilancio mal gestito si esauriranno?

(b) L'intervento continua, e l'inflazione viene importata dall'estero, provocando uno "shock dei tassi d'interesse", una crisi immobiliare e forse una crisi bancaria in Svizzera.

La seconda opzione, a mio parere, è la più probabile. Che ruolo avrà la politica svizzera? Proteggeranno le loro banche (come hanno sempre fatto), o proteggeranno la BNS e il suo portafoglio di asset?

“In qualsiasi forma, l'inflazione negli Stati Uniti e nell'eurozona sembra rappresentare una minaccia più significativa per la Svizzera di quanto la BNS non riconosca oggi."

Ad aprile Oliver Camponovo parlava così dell’inflazione, https://www.finanzeinvestimenticriptovalute.it/inflazione-in-arrivo-proteggere-cash-e-depositi/

Advepa 3D for Business
Swiss Virtual Expo
Italian Fashion EventsL'EscargotFinanze Investimenti CriptovaluteFinanze Investimenti CriptovaluteFinanze Investimenti Criptovalute